“Ecco perché devi lavorare offline invece che online (parte 2)”

By | 25 November 2019

11 mezzi efficaci a cui non avevi mai pensato per aumentare le tue possibilità di reclutamento offline

Nello scorso articolo abbiamo analizzato senza pietà il mondo dei “Furbi” che vogliono fare Network Marketing online.

E abbiamo capito che partire con un’attività di Network online…

<<… è una cagata pazzesca!>>

(come urlerebbe dal palco quell’essere strisciante di Fantozzi)

Se decidessi effettivamente di partire online, dovresti:

  • mettere copiosamente mano al portafoglio e dissanguarti ancora prima di averceli i soldi
  • passare ore e ore sui libri e a computer per studiare come utilizzare a tuo favore i mezzi informatici in modo che diventino macchine produttrici di soldi
  • iniziare con la solita tiritera “prova-errore” per testare vari tipi di annunci, campagne, sponsorizzate, eccetera

Se, invece, fai parte dei “Furbi”, questa cosa non ti riguarda, perché ti butterai a capofitto sui Social, andando a naso o seguendo tutorial e… be’, farai su un bel minestrone di dati, annunci, sponsorizzate e chi più ne ha più ne metta assolutamente inutile, se non per i proprietari dei Social.

Ma se sei qui a leggere queste parole, non credo proprio tu sia un “Furbo”.

Perciò mi rendo conto di poterti parlare molto chiaramente, senza dover ricorrere a disegnini esplicativi con pennarelli colorati e canzoncine pedagogiche.

Non esiste la solita tiritera:

<<Il nuovo modo di fare Network Marketing è online, è usare i Social, è interagire con le persone su Internet!>>

La New School, come viene chiamata.

Sarà veramente una New School quando l’online verrà studiato, capito e unito all’offline, che a sua volta dovrà essere studiato e capito.

Quelli che credono di fare tutto online, non hanno compreso il significato base del Network Marketing.

Il Network è un business che si basa sulle relazioni umane.

Ok, puoi creare “relazioni” anche su Internet… ma ti assicuro che è molto più difficile per i tuoi scopi.

Non stai usando Internet per puro divertimento, per fare amicizia con qualcuno dall’altra parte del mondo, per scambiarti notizie con qualcuno di un altro Paese; stai usando l’online per vendere e reclutare.

Ma pensa cosa succede quando cerchi di avviare una trattativa online!

Il tuo prospect sta chattando con te e, nel frattempo, sta navigando su due o tre siti Internet, aggiornando il suo stato su Facebook, caricando qualche foto su Instagram… credi di avere la sua completa attenzione come davanti ad un caffè solo tu e lui?

Oppure, magari, pubblichi annunci ogni giorno sui gruppi di Facebook, che puntualmente vengono sparati in basso da minimo altri tre annunci che qualcun altro pubblica subito dopo di te, magari proponendo la tua stessa attività.

E tu hai passato tutto il pomeriggio a inserirli… per niente.

O sei in videoconferenza col prospect?

Be’, dai, almeno lo guardi in faccia.

Peccato che la connessione faccia schifo e lo perdi ogni trenta secondi e non puoi passargli la carta frusciante della tua trattativa e non puoi fargli la dimostrazione del tuo prodotto… e che cavolo!

Credi di chiudere in questo modo?

Anche no, mi sa.

Credimi!

La Old School del Network sembrerà sorpassata e decrepita e lo è, se viene applicata alla vecchia come nell’America degli Anni ‘80.

E intendo telefonate e appuntamenti a freddo, depliant informativi senza costrutto e tutto il cucuzzaro.

Se, invece, la Old School si evolve a mano a mano che i tempi cambiano, ti assicuro che rimarrà sempre il modo migliore per affrontare un’attività di Network Marketing.

Detto questo, eccoci arrivati al punto focale!

Lascia che condivida con te alcune strategie offline (alcune anche un po’ fuori dal comune e divertenti) che possono servirti per aumentare le tue possibilità di reclutamento.

1 – Drop cards

Non c’è una traduzione in italiano per questo particolare oggetto di marketing.

Una drop card ha più o meno le stesse dimensioni di un biglietto da visita (business card), ma sopra non c’è scritto il tuo nome, titolo e contatto.

Su una drop card c’è una headline, una breve serie di bullet points e una call to action molto forte.

Praticamente una sales letter in miniatura.

Puoi consegnare queste drop cards alle persone che incontri o lasciarle in giro in luoghi target.

2 – Business cards

Ebbene sì, sono i biglietti da visita… ma non dei semplici biglietti da visita.

Se sei un fan dei biglietti da visita, usali pure, ma rendili a loro volta dei materiali di marketing!

Non il classico: Ugo Rossi, sales manager presso Super Mega Company, numero di telefono, mail, mega logo della società.

Nah! Non ci piacciono i biglietti da visita fatti così.

Ok, fatti il tuo biglietto da visita, ma fallo apparire come qualcosa di più prezioso: stampalo in maniera particolare con le lettere in rilievo, mettici sul retro un invito all’azione o una frase particolare, fallo di un formato particolare, tipo mini letterina… qualcosa che resti in testa a chi lo riceve.

Ah e, ovviamente, lo scopo del tuo biglietto da visita è quello di farti dare il biglietto da visita della persona che incontri.

3 – Eventi live

Puoi farli o puoi frequentarli, dipende dal tuo piano.

Puoi avere il tuo stand nelle fiere, nei mercati, negli eventi locali o nazionali, nelle esposizioni… ma puoi anche andare a questi eventi come visitatore e creare rete, intrecciando relazioni con gli espositori che incontri.

4 – Public speaking

Se sei un appassionato di public speaking, sappi che la tua passione è una delle strategie migliori per il reclutamento offline.

Agli eventi pubblici, ai circoli del tuo paese, alle conferenze locali (ovviamente a tema con quello che proponi tu), nei club, negli hotel… insomma, nei luoghi di aggregazione dove tu possa tenere il tuo discorso (sempre seguendo le regole del marketing e della vendita – non stiamo facendo “serate informative” così, tanto perdere tempo, ma per arrivare a vendere come se non ci fosse un domani, ricordalo).

Alla fine della presentazione, raccogli i contatti di quante più persone puoi e, dopo, parti con la compagna di follow up che hai precedentemente predisposto.

5 – Volantini

Non ci crederai mai, ma i volantini funzionano ancora… se usati come si deve, ovviamente.

Non riempire tutte le macchine dei parcheggi con i tuoi flyers; farai girare le palle a centinaia di persone contemporaneamente, quindi non è una buona strategia questa.

Piuttosto fai la classica campagna di volantinaggio, in cui consegni i volantini a mano ai passanti.

Oppure vai agli eventi dove sai di trovare persone in target con la tua proposta e consegna loro i tuoi volantini.

6 – I membri del tuo team

Questo è un metodo per cambiare prospettiva.

Invece di dannarti l’anima per reclutare dieci nuovi collaboratori, aiuta i tuoi attuali migliori collaboratori a trovarne due nuovi a testa!

Questo è un modo per lavorare in profondità e rendere la tua struttura più salda, oltre a risparmiarti l’esaurimento.

7 – Cartelloni pubblicitari

Se ne hai la possibilità economica e a seconda delle regole della tua città o regione, puoi ricorrere anche a questi.

Il punto è che… ti prego… non farli come li vedo fatti in giro per le strade.

Cartelloni pubblicitari informativi o creativi… bleah!

Segui le regole del marketing, per carità!

Altrimenti, anche se hai tutti i soldi di questo mondo, ti dico di lasciar perdere, saranno buttati via.

8 – Referrals

Il modo migliore da sempre per trovare nuovi leads.

Quando incontri qualcuno e, attraverso domande e schemi specifici, riesci a portarlo dove vuoi, chiedigli qualche referenza.

Del tipo:

  • Tra le tue migliori conoscenze, qual è la persona che potrebbe essere interessata a questo prodotto?
  • Sei in grado di fornirmi il nome di una persona che conosci che abbia già fatto Network Marketing prima d’ora?
  • Qual è la persona più sveglia e ambiziosa che conosci?

Insomma, crea delle domande da fare a chi incontri che siano utili per il tuo prodotto o business.

9 – Annunci sui giornali

Ci sono moltissime persone che leggono ancora il giornale!

Se non stai mettendo annunci sui giornali locali, sappi che ti stai perdendo un sacco di buone opportunità.

Crea un annuncio generico, mettici il tuo numero di telefono o la tua mail o il tuo sito web.

Puoi provare anche diversi tipi di annuncio per vedere quello che converte di più.

10 – Cartoline

L’arma segreta di un Networker!

Insomma… pensa a quante e-mail ricevi al giorno e quante telefonate…

Pensa invece a quante cartoline ricevi ogni giorno.

Nemmeno un paragone, no?

Se non stai usando le cartoline, sappi che stai buttando all’aria un sacco di opportunità.

11 – Una lotteria

Questa strategia funziona molto bene.

Puoi usarla quando sei riuscito a fare una partnership con un businessman delle tue parti, che abbia un locale o un negozio.

Metti un vaso di vetro vuoto vicino alla cassa e fai una lotteria.

Metti in palio uno dei tuoi prodotti, ovviamente.

Al costo di un prodotto, avrai gli indirizzi di almeno una decina di persone, a cui potrai fare una campagna di lead generation.

*   * *

Tutto questo non puoi farlo online.

Tutto questo non ti richiede migliaia di euro di investimento e ore e ore di studio.

Direi che non c’è più alcun dubbio: l’offline batte l’online 1 a 10… ovviamente se fatto con giudizio.

E questo è quello che pensiamo noi di Caesar Networkers, l’unico metodo di Network Marketing professionale completamente italiano.

Ormai non contiamo più le campagne offline che abbiamo fatto e che continuiamo a fare.

E, ovviamente, ci occupiamo anche dell’online, ma grazie al lavoro di un esperto Asso del Web… niente “Furbi” qui!

E tu? Cosa ne pensi?

Sei per l’offline o ti attira di più l’online?

Fammi conoscere la tua opinione scrivendo all’indirizzo mail info@caesar-networkers.it

Sarò lieto di scambiare qualche parola su questo tema insieme a te!

Diventa il genio dell’offline per consolidare il tuo business; comincia a studiare l’online per espanderlo!

Author: Andrea Cesaro

Mi chiamo Andrea Cesaro, sono un Networker professionista e abito in provincia di Padova. Il mio obiettivo è quello di far conoscere le tecniche vincenti del vero network marketing al networker italiano, ancora troppo legato alle logiche degli anni 70-80, allo scopo di svecchiare e rendere rispettabile questa nobilissima Professione. Aut Caesar, aut nihil!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *