IL TUO TASSO DI CHIUSURA NEGLI APPUNTAMENTI È ESTREMAMENTE BASSO?

By | 12 August 2019

Ecco a te l’anello mancante della trattativa che nessuno ti ha mai rivelato

Come ogni giorno, anche oggi ti sei ritrovato ad uscire di casa e a buttarti a capofitto nei tuoi impegni giornalieri.

Consegne, telefonate di cortesia e appuntamenti con potenziali clienti e collaboratori.

Già… i soliti appuntamenti…

Tanto sai come andrà a finire: buona grazia che porterai a casa un sì su quei cinque incontri!

È sempre la stessa storia: tu li inviti per un caffè, gli fai tutta la solita procedura per portarli a comprare il tuo prodotto… ma, arrivato alla fine, ti ritrovi sempre con un “Ci devo pensare”, una stretta di mano e il prospect che se ne va via, cavalcando verso il tramonto senza i tuoi prodotti in saccoccia.

Che cosa è successo?

Perché non sei riuscito a chiuderlo?

Perché non hai portato a casa nemmeno un no, ma un “Ci devo pensare”?

La risposta è semplice e banale quanto preoccupante: hai saltato qualche passaggio fondamentale.

Le opzioni sono due:

  • non hai ancora assimilato bene la trattativa e hai ancora un po’ di pratica da fare
  • nessuno ti ha spiegato i passaggi fondamentali per una buona chiusura

Nel primo caso, non temere: con la pratica e l’esperienza tutto si impara.

Nel secondo caso: se fossi in te mi preoccuperei.

Se il tuo Sponsor non ti ha fornito i mezzi fondamentali per arrivare alla chiusura della trattativa, allora continua a leggere: di seguito troverai tre piccoli consigli per guidare il tuo prospect ad una decisione… possibilmente positiva.

Tu non intendi passare il resto della tua carriera da Networker ricevendo sempre e solo “Ci devo pensare”, vero?

Allora apri bene gli occhi e leggi attentamente, altrimenti quella è la fine che farai.

Consiglio #1 – Chiedi sempre il metodo di pagamento!

Sei arrivato alla fine della trattativa e cosa fai? Aspetti che sia la persona a dirti cosa vuole comprare, quanto ne vuole comprare e come te lo vuole pagare?

Ovviamente no.

Tira fuori la voce e sfodera il tuo miglior atteggiamento professionale possibile, visto che adesso stiamo cominciando a parlare di soldi.

<<Allora, Giovanni, mi sembra che questa offerta sia quella fatta a posta per te. Possiamo procede con il tuo ordine. Dimmi, intanto, come preferisci pagare: contanti, bonifico o paypal?>>

DEVI chiederlo! Chiaro?

Se non chiedi il metodo di pagamento, non avrai il pagamento, ma un “Ci devo pensare”.

Nemmeno le persone davvero interessate tireranno fuori i soldi se tu non glielo chiedi.

E questo è certo!

Consiglio #2 – Specifica che cosa otterranno unendosi al tuo progetto

Digli chiaramente che cosa otterranno se si uniscono al tuo progetto oggi stesso.

Anche qui: DEVI dirglielo!

Sennò, che cosa cambia? Il tizio può iscriversi anche domani, fra un mese, l’anno prossimo… le condizioni non cambiano.

No, invece! 

Non avrà mai una condizione migliore se non si iscrive OGGI.

Un esempio: 

<<Allora, Giovanni, siccome mi sembri interessato a questo progetto, ti dico cosa otterrai in più se farai l’iscrizione oggi. Entrerai nel progetto di invii mensili di sales letters ai clienti: con solo XX€ avrai XX sales letter stampate, imbustate e spedite per tenere caldi i tuoi clienti. Inoltre, ti metterò in coda nel progetto di “Lead Sharing”: con soli XX€ riceverai XX leads caldi che ti affiderò io personalmente in modo da permetterti di cominciare la tua attività già con un bel gruppetto di clienti. Oltre a ciò, riceverai in regalo il Manuale segreto di struttura di XXX pagine: contiene informazioni essenziali per iniziare col botto la tua attività. Infine, sarai inserito gratuitamente nel nostro gruppo Facebook, in cui avrai la possibilità di confrontarti anche con i collaboratori più anziani, senza limiti. E, come bonus massimo, avrai la mia supervisione h24 finché non sarai autonomo e avrai sponsorizzato almeno 3 persone>>.

Quanto sopra, per esempio, se il tuo network o la tua squadra prevede questi tipi di bonus.

Questo era solo un esempio, poi lo puoi adattare in base alla tua attività e al prodotto che proponi, ma l’idea base è: fagli vedere il vantaggio di iscriversi oggi.

Altrimenti non si iscriverà e otterrai… sì, hai indovinato… “Ci devo pensare”.

Consiglio #3 – Usa la paura della perdita

Questo punto è strettamente collegato al punto precedente.

Una persona muoverà le chiappe in questo momento, solo se gli mostrerai una cosa che potrà essere sua e che perderà nel giro di poche ore, se deciderà di non approfittarne.

Facciamo un esempio con il tuo prodotto: 

<<Allora, Giovanni, mi sembra che, tra le tre offerte, la seconda sia quella che più si addice alle tue esigenze, giusto? Molto bene. Tieni conto che questa offerta vale solo per oggi, però. Domani il pacchetto che hai scelto tornerà a costare a prezzo pieno. Come ti dicevo, questa è un’offerta valida solo per oggi. Che dici? Approfittiamo di questa offerta strepitosa?>>

Oppure, in caso tu stia proponendo l’attività: 

<<Allora, Giovanni, mi sembri molto interessato ad unirti a questo progetto. Ti dico, tu puoi scegliere di iscriverti quando preferisci, ma, se decidi di farlo entro le ore XX:XX di stasera, riuscirai ad assicurarti una posizione abbastanza particolare: se ti iscrivi oggi, potrò attaccare sotto al tuo codice altre due persone con cui avrò un colloquio domani. Queste due persone sono decise ad iscriversi e domani ci troviamo per fare insieme l’iscrizione. Scegli tu! Se decidi di procedere oggi, sai che comincerai già da un bel livello… insomma, già due collaboratori in downline. Altrimenti sai che dovrai cominciare da zero e sarà un po’ più difficile. Allora, cosa ne dici? Facciamo questa iscrizione?>>

Anche quello qui sopra, è un esempio: non è che necessariamente devi farlo nella tua attività, tuttavia se hai un sistema ben strutturato, nulla te lo impedisce!

Insomma, devi fargli vedere che c’è qualcosa che sarebbe sua di diritto, ma che non sarà più sua nel giro di qualche ora.

Ti assicuro che il senso di perdita è una delle forze più efficaci per spingere il tuo prospect a prendere una decisione nel giro di poco tempo.

* * *

Ecco, dunque, questi sono i tre consigli che mi sento di darti se hai difficoltà nella chiusura della trattativa, sia essa di vendita o di collaborazione.

Ti assicuro che, anche solo senza questi piccoli accorgimenti, la tua attività non potrà mai decollare.

Senza queste azioni, rimarrai sempre allo stesso punto, sempre una start-up, finché la tua instabile struttura non comincerà a traballare fino a crollare definitivamente e trascinarti verso il basso, da cui non potrai mai più risalire.

Il tuo Sponsor si è mai preso un’oretta per prenderti da parte, guardarti negli occhi e dirti: <<Figliolo, ascoltami molto bene: sto per spiegarti cosa fare per chiudere le maledette trattative!>>?

Se hai letto questo articolo e sei arrivato fino a questo punto, mi sa proprio di no, eh?!

Come vedi, per ogni lavoro da professionista, la formazione di base e avanzata è fondamentale per chiunque… anche per un Networker.

“Caesar Networkers” è il primo Team di formazione professionale nell’ambito del Network Marketing in Italia e fornisce ai Networkers (indipendentemente dal loro tipo di attività) strategie e tecniche infallibili per la creazione della propria rete di vendita e la propria struttura di Network.


Per maggiori informazioni su come svolgere la tua attività di network marketing in modo professionale:

– Iscriviti al gruppo Facebook

– Iscriviti al canale Youtube

– Leggi le testimonianze di chi lavora con me 

Author: Andrea Cesaro

Mi chiamo Andrea Cesaro, sono un Networker professionista e abito in provincia di Padova. Il mio obiettivo è quello di far conoscere le tecniche vincenti del vero network marketing al networker italiano, ancora troppo legato alle logiche degli anni 70-80, allo scopo di svecchiare e rendere rispettabile questa nobilissima Professione. Aut Caesar, aut nihil!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *